Quando e perché vaccinare un cucciolo? - Centro Commerciale - Il CENTRO

Quando e perché vaccinare un cucciolo?

9 November 2019

Tanto i cani come i gatti sono soggetti nel corso delle loro vite a venire in contatto con batteri e virus che possono compromettere molto seriamente la loro salute. Così come per gli umani è possibile ed assolutamente consigliabile (quando addirittura non obbligatorio) ricorrere alle vaccinazioni preventive. Qui alcuni consigli e informazioni a riguardo:

PER COSA SI VACCINA IL CANE?

Le vaccinazioni di Base sono:

Per malattie Virali:

  • Cimurro: si trasmette per inalazione; ha sintomi come diarrea, febbre, tosse, spasmi muscolari, congiuntivite, dermatite
  • Parainfluenzale detta TOSSE dei CANILI (BORDETELLA): si trasmette per via aerogena. In particolar modo sono maggiormente soggetti gli animali che vivono in gruppo: in allevamenti o in canili, sintomi sono tosse secca cronica, apatia, febbre, conati di vomito, arrossamento degli occhi;
  • Epatite infettiva (adenovirus): avviene per via diretta ed indiretta (saliva, feci, urine); sintomi febbre, inappetenza, vomito, diarrea, dolore all’addome, linfonodi ingrossati
  • Parvovirus:colpisce cuccioli, sfruttando l’immunità del loro sistema immunitario. Si moltiplica nel tratto digerente e nel midollo osseo. I sintomi sono letargia, vomito e diarrea gravi, anemia e shock
  • Cahv1 Herpesvirus Malattia Respiratoria e Genitale: interessa l’apparato respiratorio con sintomi come tosse e raffreddore; l’apparato genitale canino infiammando gli organi riproduttivi

Per malattie Batteriche:

  • Leptospirosi(L/L2 dura 6mesi o L4dura un anno): si trasmette per via diretta (urina infetta di cane e di topo) ed indiretta (acque, terreno, cibo e lettiere contaminate). Anche l’uomo può contrarre questa malattia tramite ferite cutanee aperte ed abrasioni a contatto con urine infette. I sintomi posso assomigliare ad altre malattie infettive. Essi includono: febbre alta, gastroenterite, ittero, urine scure, disidratazione, arrossamento delle mucose, apatia, insufficienza renale acuta.

In più vi sono malattie come la Rabbiache si vaccina con l’Antirabbica, che in Italia non è obbligatoria, ma per espatriare all’estero sì; mentre per la Leishmania che avviene tramite la puntura della femmina di Pappatacio. Ha sintomi come lesioni cutanee, infiammazioni, perdita di pelo attorno alla testa e alle zampe ed evidente perdita di peso tramite appetito. Attualmente non vi sonovaccini. Bisogna prevenire tramite antiparassitario.

PER COSA SI VACCINA IL GATTO?

I vaccini impiegati per i gatti solitamente si chiamano “Vaccino Trivalente” e sono:

  • Calicivirus:colpisce le prime vie aeree, si trasmette quando il gatto permane allungo in un ambiente dove vi sono animali malati o secrezioni infette; sintomi sono febbre, depressioni mentre casi gravi si hanno viscicole linguali, prurito nasale, starnuti, congiuntivite
  • FeHV1 (Rinotracheite):infezione delle vie respiratorie, i sintomi sono naso che cola, tosse,  infezione agli occhi
  • Parvovirosi (Panleucopenia felina): è una malattia virale ed altamente contagiosa e potenzialmente fatale. I sintomi riguardano il tratto digerente (diarrea/vomito spesso con sangue), febbre, scarso appetito, profonda apatia

Esistono inoltre vaccini anche per le malattie come:

  • Felv (Leucemia Felina): malattia contagiosa che causa elevata mortalità, si trasmette soprattutto su gatti randagi, che vivono all’aperto o gatti molto giovani;
  • Clamidiache colpisce gli occhi dell’animale infetto, il sintomo classico è la congiuntivite persistente

Mentre non esistono vaccini per:

  • Fip(peritonite infettiva)non è semplice diagnosticarla perché molti sintomi sono comuni alle patologie tipiche dei felini, può essere pericolosa perché è una malattia incurabile;
  • Fiv(immunodeficienza felina, nota come Aids felina): colpisce i gattini ma non è trasmissibile; aggredisce il sistema immunitario del gatto, si manifesta per stadi e per altri sintomi come lesioni delle orecchie, anemie, alterazione della cute. Non esiste cura, si possono solo utilizzare medicinali per rallentare la malattia

E’ quindi molto importante fare anche delle visite e analisi periodiche presso il vostro veterinario di fiducia quando vi accorgete che il vostro animale domestico ha dei sintomi o adotta comportamenti che nella vita quotidiana non presenta.

Con queste informazioni e semplici consigli potete salvaguardare il benessere del miglior amico a quattrozampe! Nella struttura MI FIDO a Il Centro di Arese il nostro personale professionale vi aspetta! Saremo in grado di fornirvi un servizio completo offrendo bagni, toelettature (bagno + taglio pelo), pulizia orecchie, taglio unghie e dog parking rispettando il benessere del cane e le leggi vigenti.